pareidolia-with-backgrnd_LUCA.png
 

[read more about Luca Rizzieri at the end of his essay - original Italian text & images by the author; English translation at the end]

La pareidolia (dal greco èidolon, "immagine", col prefisso parà, "vicino") è l'illusione subcosciente che tende a ricondurre a forme note oggetti o profili dalla forma casuale.
È la tendenza istintiva e automatica a trovare forme familiari in immagini disordinate; l'associazione si manifesta in special modo verso le figure e i volti umani. Classici esempi sono la visione di animali o volti umani nelle nuvole.

 
assillum.jpg
Eris dea della discordia.jpg

Si ritiene che questa tendenza sia stata favorita dall'evoluzione perché consente di individuare situazioni di pericolo anche in presenza di immagini confuse, ad esempio riuscendo a scorgere un predatore mimetizzato tra la vegetazione.

fishbone.jpg
 

La pareidolia consente spesso di dare una spiegazione razionale a fenomeni apparentemente paranormali, quali le apparizioni di immagini su muri o la comparsa di spettri nelle fotografie.

humanhoyster.jpg
Insegnerò il volo a mio figlio perchè possa fuggire dalla morte.jpg
Isterico pellicano.jpg
 
 

Tutto ciò che noi vediamo non è mai "tutto" quello che possiamo vedere, pareidolia è questo, una provocazione volta alla lettura dei sottotesti delle immagini.

 
 
L_angelo caduto a colpa dell_Amore.jpg

 

Il mio stimolo sta nel fornire immagini dal significante apparente ma dal significato nascosto e diverso per ognuno di noi.

 

 
La donna uccello (omaggio a Peter Witkin).jpg
madmoiselle Dionaea muscipula.jpg

Nulla è quindi in equilibrio perpetuo ed in noi (me) ne è perciò continua e spasmodica la ricerca.

L_uomo che chiese di volare.jpg
 
la forma di un angelo.jpg

Ne consegue (per me) la Pareidolia come ricerca di equilibrio nel caos interiore,la ricerca di un'immagine simbolo,  ma anche come provocazione , poichè l'ordine interiore è un' utopia, ed esso si modifica comunque con il passare del tempo ed il cumulo delle esperienze della vita.
 

Mater Thanatos.jpg
 
Miss Octopus in her wedding dress.jpg
Moros.jpg
 

Sottoporre allo spettatore delle immagini che pur apparendo tali non sono una risposta (se non temporanea e soggettiva) ma al contrario una domanda che sposta l'asse dell'equilibrio interiore ricominciando così la ricerca di nuove e stabili risposte che rimarranno comunque mutabili e temporanee.
 

totentanz_la danza della morte.jpg
Runa -o-.jpg
 
nefele.jpg
 
 
 

The pareidolia (from the Greek èidolon, "image", with the prefix parà, "near") is the subconscious illusion that tends to lead to shapes known objects or profiles with a casual shape.

It is the instinctive and automatic tendency to find familiar forms in disordered images; the association manifests itself especially towards human figures and faces. Classic examples are the vision of animals or human faces in the clouds.

It is believed that this trend has been favored by evolution because it allows to identify dangerous situations even in the presence of confused images, for example by being able to see a predator camouflaged among the vegetation.

The pareidolia often allows to give a rational explanation to apparently paranormal phenomena, such as appearances of images on walls or the appearance of spectra in photographs.

All that we see is never "all" what we can see, pareidolia is this, a provocation aimed at reading the subtexts of the images.

It is necessary to learn to look with our third eye, the one facing the inside, not to stop at the appearance of the image, but to dig inside it with one's own eye.

My stimulus lies in providing images with an apparent signifier but with a hidden and different meaning for each one of us.

It follows (for me) Pareidolia as a search for balance in the inner chaos, the search for a symbolic image, but also as a provocation, because the inner order is a utopia, and it changes with the passage of time the accumulation of life experiences.

Nothing is therefore in perpetual balance and in us (me) it is therefore continuous and spasmodic research.

Subjecting the viewer to images that appear to be such are not an answer (if not temporary and subjective) but on the contrary a question that shifts the axis of inner balance thus starting the search for new and stable answers that will remain changeable and temporary.